I MEDIA STAMPATI NON CONOSCONO GLI ADBLOCKER

La pubblicità in giornali e riviste piace. È considerata più informativa e credibile rispetto agli altri formati pubblicitari ed è raro che sia percepita come elemento di disturbo. Ecco perché vanta una forza d’impatto ineguagliabile.

La pubblicità è il motore dell’economia. Un buon 60% della popolazione la reputa infatti necessaria. Quasi la metà degli intervistati dichiara di avere più volte trovato offerte interessanti grazie alla pubblicità. Il giudizio più positivo espresso dalla popolazione svizzera si riferisce alla pubblicità per nuovi prodotti. Circa il 70% la considera utile. Queste informazioni sono tratte dallo studio MACH Consumer di WEMF/REMP. Si tratta del più importante studio continuativo sui consumi in Svizzera, che mette in relazione le abitudini di acquisto e consumo da un lato e l’utilizzazione dei media dall’altro. Nessun’altra categoria di media pu. vantare prestazioni altrettanto trasparenti.

DIFFERENZE NOTEVOLI DEL GRADIMENTO DELLA PUBBLICIT.

Non tutte le forme di pubblicità riscontrano lo stesso gradimento. Lo dimostra il numero crescente di adblocker e adesivi stop alla pubblicità. Il giudizio della popolazione in merito alla pubblicità online e ai mailing diretti non indirizzati è molto critico. E c’è di più: la gente cerca sempre più di eludere questo tipo di pubblicità. Il risultato: la pubblicità non raggiunge il suo target. Secondo uno studio sulla gestione dei media e della comunicazione dell’Università di San Gallo realizzato nel 2014 dall’istituto GfK, gli elementi ritenuti più molesti e fastidiosi nella pubblicità online sono i pop up (animati e fissi), i video pubblicitari e i banner animati.

Il quadro si presenta completamente diverso per quanto riguarda la pubblicità nei media stampati, che raccoglie riscontri particolarmente positivi. Non da ultimo, perché la pubblicità in giornali e riviste è considerata elemento integrante del mezzo e in quanto tale è apprezzata dal pubblico di lettrici e lettori. Senza la pubblicità, i giornali sarebbero spogli.